.

.
                                                                                                                                                     

martedì 28 settembre 2010

L' essenziale è invisibile agli occhi

Ho letto e riletto "Il piccolo principe", e continuerò a farlo chissà quante volte...

Una storia nota a tutti di  Antonie Saint-Exupéry, una storia che ci ricorda che
 " Tutti i grandi sono stati bambini una volta. Ma pochi di essi se ne ricordano."


"In quel momento apparve la volpe. "Buon giorno", disse la volpe.
"Buon giorno", rispose gentilmente il piccolo principe, voltandosi: ma non vide nessuno. "Sono qui", disse la voce, "sotto al melo... "
"Chi sei?" domandò il piccolo principe, "sei molto carino... "
"Sono una volpe", disse la volpe. "Vieni a giocare con me", le propose il piccolo principe, sono così triste... "
"Non posso giocare con te", disse la volpe,
"non sono addomesticata". "Ah! scusa", fece il piccolo principe.
Ma dopo un momento di riflessione soggiunse: "Che cosa vuol dire "addomesticare"?" "Non sei di queste parti, tu", disse la volpe, "che cosa cerchi?"
"Cerco gli uomini", disse il piccolo principe. "Che cosa vuol dire "addomesticare"?"
"Gli uomini" disse la volpe, "hanno dei fucili e cacciano.
È molto noioso! Allevano anche delle galline.


È il loro solo interesse.
Tu cerchi delle galline?" "No", disse il piccolo principe.
"Cerco degli amici. Che cosa vuol dire "addomesticare?"
"È una cosa da molto dimenticata. Vuol dire creare dei legami...
"Creare dei legami?" "Certo", disse la volpe.
"Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini.
E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me.
Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi.
Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l'uno dell'altro.
Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo".
"Comincio a capire" disse il piccolo principe.
"C'è un fiore... credo che mi abbia addomesticato..."
"È possibile", disse la volpe. "Capita di tutto sulla Terra... "
"Oh! non è sulla Terra", disse il piccolo principe. La volpe sembrò perplessa:
"Su un altro pianeta?"

"Si". "Ci sono dei cacciatori su questo pianeta?"
"No". "Questo mi interessa. E delle galline?" "No".
"Non c'è niente di perfetto", sospirò la volpe.
Ma la volpe ritornò alla sua idea: "La mia vita è monotona.
Io do la caccia alle galline, e gli uomini danno la caccia a me.
Tutte le galline si assomigliano, e tutti gli uomini si assomigliano.
E io mi annoio perciò. Ma se tu mi addomestichi, la mia vita sarà illuminata.
Conoscerò un rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri.
 Gli altri passi mi fanno nascondere sotto terra.
Il tuo, mi farà uscire dalla tana, come una musica.
E poi, guarda! Vedi, laggiù in fondo, dei campi di grano?
Io non mangio il pane e il grano, per me è inutile.



I campi di grano non mi ricordano nulla.
E questo è triste! Ma tu hai dei capelli color dell'oro.
Allora sarà meraviglioso quando mi avrai addomesticato.
Il grano, che è dorato, mi farà pensare a te.
E amerò il rumore del vento nel grano... " La volpe tacque e guardò a lungo il piccolo principe: "Per favore... addomesticami", disse.
"Volentieri", disse il piccolo principe, "ma non ho molto tempo, però.
Ho da scoprire degli amici, e da conoscere molte cose".
"Non si conoscono che le cose che si addomesticano", disse la volpe. "Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla.
Comprano dai mercanti le cose già fatte.
Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico addomesticami!"
"Che cosa bisogna fare?" domandò il piccolo principe.
"Bisogna essere molto pazienti", rispose la volpe.
"In principio tu ti siederai un po' lontano da me, così, nell'erba.
Io ti guarderò con la coda dell'occhio e tu non dirai nulla.
Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po' più vicino... " Il piccolo principe ritornò l'indomani.
"Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora", disse la volpe.
"Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro,
dalle tre io comincerò ad essere felice.
Col passare dell'ora aumenterà la mia felicità.
Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e ad inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità!
Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore.
Ci vogliono i riti". "Che cos'è un rito?" disse il piccolo principe.
"Anche questa è una cosa da tempo dimenticata", disse la volpe.




"È quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un'ora dalle altre ore.
C'è un rito, per esempio, presso i miei cacciatori.
Il giovedì ballano con le ragazze del villaggio. Allora il giovedì è un giorno meraviglioso!
Io mi spingo sino alla vigna.
Se i cacciatori ballassero in un giorno qualsiasi,
i giorni si assomiglierebbero tutti, e non avrei mai vacanza".
Così il piccolo principe addomesticò la volpe.
E quando l'ora della partenza fu vicina: "Ah!" disse la volpe, "... piangerò".
"La colpa è tua", disse il piccolo principe, "io, non ti volevo far del male,
ma tu hai voluto che ti addomesticassi... "
"È vero", disse la volpe. "Ma piangerai!" disse il piccolo principe.
"È certo", disse la volpe. "Ma allora che ci guadagni?"
"Ci guadagno", disse la volpe, "il colore ...del grano". Poi soggiunse: "Và a rivedere le rose. Capirai che la tua è unica al mondo.
Quando ritornerai a dirmi addio, ti regalerò un segreto".
Il piccolo principe se ne andò a rivedere le rose.
"Voi non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora niente", disse.
"Nessuno vi ha addomesticato, e voi non avete addomesticato nessuno.
 Voi siete come era la mia volpe. Non era che una volpe uguale a centomila altre.
Ma ne ho fatto il mio amico ed ora è per me unica al mondo".

                                                                                                                                          
                                                                                                                                                  -  immagini dal web-

E le rose erano a disagio. "Voi siete belle, ma siete vuote", disse ancora.
"Non si può morire per voi.
 Certamente, un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi rassomigli,
ma lei, lei sola, è più importante di tutte voi, perchè è lei che ho innaffiata.
 Perchè è lei che ho messa sotto la campana di vetro.
Perchè è lei che ho riparata col paravento.
Perchè su di lei ho uccisi i bruchi (salvo i due o tre per le farfalle).
Perchè è lei che ho ascoltato lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta tacere.
Perchè è la mia rosa". E ritornò dalla volpe. "Addio", disse.
"Addio",...disse la volpe. "Ecco il mio segreto.
È molto semplice: non si vede bene che col cuore.
L'essenziale è invisibile agli occhi".
"L'essenziale è invisibile agli occhi", ripetè il piccolo principe, per ricordarselo.
"È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante".
"È il tempo che ho perduto per la mia rosa... " sussurrò il piccolo principe per ricordarselo. "Gli uomini hanno dimenticato questa verità.
Ma tu non la devi dimenticare.
Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato.
 Tu sei responsabile della tua rosa... "
"Io sono responsabile della mia rosa... " ripetè il piccolo principe per ricordarselo."
Mie care amiche.....GRAZIE!!
                                                                                                                                                                                                With love, Anna

36 commenti:

  1. lo adoro.semplicemente lo adoro.lo scorso natale ne ho regalate 5 copie,di cui una a me stessa,perchè lo avevo letto solo da bambina,in francese...

    "L' essenziale è invisibile agli occhi"

    credo sia una delle considerazioni più magicamente vere mai scritta!

    RispondiElimina
  2. Anna è meraviglioso...Io lo tengo sul comodino!
    Grazie grazi grazie!

    RispondiElimina
  3. Da ragazzina, quando lessi per la prima volta quella frase "l'essenziale è invisibile all'occhio nudo", me la scrissi nel mio diario, tanto mi piacque!

    Grazie per avermela ricordata in un giorno piovoso come oggi, mi hai fatto tornare il sorriso! :)

    Bacino
    Sarah

    RispondiElimina
  4. è il primo libro che ho letto a mia figlia, semplice magica poesia ^.^
    grazie a te cara

    RispondiElimina
  5. Profondamente vero: ciò di cui abbiamo davvero bisogno, è invisibile agli occhi...
    Ciao Anna e buona giornata,
    Ros

    RispondiElimina
  6. il mio libro preferito...
    ti consiglio anche La Timidezza delle Rose, altrettanto delicato...un'altra bellissima favola per grandi!

    RispondiElimina
  7. eh bhe, mi colpisci al cuore con questo post.
    All'universita' avevo la mia borsetta piena di libri proprio con quella frase del Piccolo principe.

    RispondiElimina
  8. E' bellissimo... e fino ad oggi lo avevo letto solo con gli occhi...
    Grazie, col cuore...

    RispondiElimina
  9. Il libro che meglio di tutti racchiude la mia stessa visione del mondo, ha ispirato tutta la mia vita, e anche il mio blog... I pensieri del piccolo principe!!

    RispondiElimina
  10. Ciao Anna una delle cose che ti rende speciale e' la tua dolcezza!!! Piacere di seguirti ogni giorno!!!!

    RispondiElimina
  11. Ciao Anna, mi hai fatta un po' commuovere...era il libro preferito della mia mamma...mi diceva sempre che era poesia e cibo per il cuore...
    Grazie per avermi fatto rileggere queste parole e avermi fatto pensare a lei..partita troppo presto!
    Dolcemente.
    Laura@RicevereconStile

    RispondiElimina
  12. Che bello il Piccolo Principe! mi hai fatto venire voglia di rileggerlo! E pensare che io volevo regalarlo come bomboniera al mio matrimonio....ma non mi hanno passato l'idea! mannaggia!
    PS: sai che ho anch'io quei cuori bonheur che hai fotografato nel precedente post? A proposito...qui pancakes...mmmm che acquolina! ;)
    Un abbraccio!
    Mara

    RispondiElimina
  13. Ciao Anna, questo da leggere piú spesso! un bacione!

    RispondiElimina
  14. In occasione del 110° anniversario della nascita di Saint-Exupéry, ho pensato anch'io di partire dalla lettura di una pag. del tuo amato libro per augurare un buon anno scolastico ai ragazzi.
    Ho scelto quella del "Baobab"albero strano e imponente che invade con le sue radici tutto il pianeta. Chi é il baobab? E' un invasore, una persona che se prende potere sul nostro "io" interiore, mette radici dappertutto e prende così tanto potere da non sradicarlo più.

    Per chi vuole iniziare l'avventura con questo speciale principe...buon viaggio.

    RispondiElimina
  15. tanti auguroni per il tuo blog,Complimenti e salutoni da Tenerife!!!

    RispondiElimina
  16. che bello Anna, anche io amo questo libro, l'ho letto da piccola in spagnolo, io sono argentina, poi in italiano, vivo quì da 20'anni, l'ho nregalato a mio figlio che ora ha 22 anni e lo regalerò alla mia piccolina che ha 19 mesi... grazie di questo meraviglioso post!...

    RispondiElimina
  17. Adoro il piccolo principe, adoro quel modo semplice ma insieme anche estremamente complesso che l'autore ha di raccontare una favola che non è per bambini e che non si può leggere veramente che col cuore.

    RispondiElimina
  18. Ciao Anna , è sempre un grande piacere leggere i tuoi post . Sono molto originali !!! Grazie...)

    Un bacione

    Marica

    RispondiElimina
  19. ciao Anna sono ancora Raffa...mi piace molto il modello di htlm che usi per il tuo blog molto semplice...mi potresti dire come si chiama?io non riesco a rimuovere quelle odiose cornicine intorno alle mie foto....

    RispondiElimina
  20. uno dei miei libri preferiti!
    Grazie per i deliziosi commenti che mi lasci sempre <3

    RispondiElimina
  21. Anna..a volte mi lasci senza parole davvero.. questo è un libro bellissimo che dovremmo tutte leggere - e mi pare di capire che infatti lo abbiamo fatto tutte ! Me lo voglio ricomprare assolutamente , magari in francese.
    "l'essenziale è invisibile agli occhi": è così vero!
    Ti abbraccio forte xxx
    P.S.la cornice che ho messo all'header non mi soddisfa tanto ma è l'unica decente che ho trovato ;)

    RispondiElimina
  22. ciao anna sono ancora qua per la terza volta...ma un GRAZIE TE LO DOVEVO!!!!!

    RispondiElimina
  23. sapere che un vero amico e' una rosa unica vuol dire che anche quando non c'e' ne senti il profumo nella tua vita. E' cosi che dovrebbe essere!Ciao da Aurora

    RispondiElimina
  24. Ciao Anna!!
    pensa che lo lessi da piccola e l'anno scorso lo comprai e lo rilessi tutto dun fiato!!
    bellissimo!!
    un bacione
    Paola.

    RispondiElimina
  25. Anna ...il piccolo principe mi riempie il cuore proprio come le belle amicizie...Grazie!

    RispondiElimina
  26. L'ho letto molti anni fa ma spesso penso che dovrei rileggerlo, è un libro meraviglioso, grazie di questo stralcio!
    un bacione
    chiara

    RispondiElimina
  27. mi ero persa qualche tuo post, ma ho subito rimediato!!
    Grazie cara Anna della tua dolcezza, del tuo essere sempre attenta ai grandi valori e anche alle piccole coccole quotidiane..
    Grazie per avermi sempre lasciato un commento, quasi come a voler dire ti sono vicina!
    Grazie davvero Anna,
    come vorrei che fossi piu' vicina!!
    Angela

    RispondiElimina
  28. com'è che quando si parta de le petit prince non capisco + nulla? in assoluto il mio libro preferito e spesso presente sotto svariate forme in casa mia, anni fa l'immagine di lui sul pianeta e tutto il cielo attorno l'avevo dipinta sul soffitto della camera di mia figlia da piccola e quando lasciato casa l'inquilino l'ha cancellato con una mano di colore si era messa a piangere e infine quest'anno l'ho dipinta su un suo cuscino è sempre bello sognare a qualsiasi età.Baci.glo

    RispondiElimina
  29. Grazie a te, cara Anna, per questo bellissimo post!

    RispondiElimina
  30. Ciao Anna,
    questo post è meraviglioso!!!!
    Bellissimo!!!
    Grazie <3
    A presto
    Daniela

    RispondiElimina
  31. Hi there,

    I'm coming over from Blanc & Caramel and I'd like to thank you for your sweet comment on Federica's Sweet As A Candy blog when she was featuring my shop!

    Chani

    RispondiElimina
  32. Anna tesoro mio.. sì le alzatine sono di coin casa, costano 6,90 se non ricordo male, ma ce n'erano altre anche bianche col bordino tutto lavorato e tantooooo carine che stavano sotto ai 20 euro (più grandi ma senza cloche, belle lo stesso!). e pensare che una volta quel posto lo snobbavo un pò..che folle ero!!!!!
    un bacione!

    RispondiElimina
  33. ciao, ho trovato il tuo blog tramite quello di flaviana e volevo dirti che le tue parole e le tue foto sono spesso meravigliose. il piccolo principe segna chiunque lo legga, a me ricorda la Storia d'amore della mia vita, ce lo siamo sempre dedicati a vicenda :-)
    passerò spesso, in più sono per metà pugliese anch'io ;-)
    ciao a presto
    giulia

    RispondiElimina
  34. Anna sono così felice,il mio Riccardo si fà sentire,qualche calcetto ogni giorno da una settimana me lo dà!!!
    un abbraccio
    Paola.

    RispondiElimina
  35. Ciao Anna, grazie per aver postato questo passaggio del Piccolo Principe, è stato dolce ed emozionante ricordare una lettura fatta tanti anni fa e nello stesso tempo in questo momento della mia vita, in cui mia figlia è una cucciola di quattro anni, mi ha fatto riflettere su quanto siano importanti certe piccole cose per loro, i riti quotidiani, quelli che nella fretta di tutti i giorni spesso mi dimentico, ma che mi rendo conto essere tanto importanti per la mia bambina. Grazie perché proverò ad essere una mamma migliore.
    Mariangela

    RispondiElimina

{Lovely comments}

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts with Thumbnails
Pin It button on image hover